Seguici sui Facebook

Twitter

Image2

Centro Pilota Andreea Damato

SCOPRI DI PIÙ
Image2

Una Mamma anche per me

SCOPRI DI PIÙ
Image2

Centro Sociale Montessori

SCOPRI DI PIÙ

Lottiamo ogni giorno da più di vent’anni per garantire ai bambini abbandonati e sieropositivi (HIV+) una accoglienza come figli e le opportunità che la Vita ha loro negato.

COME INTERVENIAMO
Sono purtroppo ancora molti, troppi i bambini che ogni anno vengono abbandonati in Romania (circa 5.000). Incuria, povertà, cultura, malattia, spingono ancora oggi molte Mamme ad abbandonare il proprio figlio (o i propri figli). Lo Stato interviene ma spesso in modo tardivo e senza offrire una collocazione alternativa adeguata e dignitosa.

Bambini in Emergenza interviene tempestivamente, offrendo ai bambini abbandonati e segnalati dai servizi sociali, un’accoglienza immediata presso il proprio Centro Pilota Andreea Damato (a Singureni nel Sud della Romania) per poi adoperarsi giorno dopo giorno per restituire loro le opportunità di crescita mancate e un duraturo reinserimento nella società.

.

a a

SEGNALAZIONE

La Protezione dei Minori segnala a Bambini in Emergenza un caso di abbandono.

a a

ACCOGLIENZA

Il bambino viene accolto nel Centro Pilota Andreea Damato di Singureni.

a a

NORMALIZZAZIONE

Il bambino viene aiutato a recuperare i traumi dell’abbandono.

a a

INSERIMENTO

Ultimato il percorso, il bambino viene inserito in una nuova famiglia affidataria.

centro-pilota-andreea-damato

L’assistenza psicologica

La maggior parte dei bambini che vengono ospitati nel Centro Pilota sono stati abbandonati alla nascita, spesso direttamente in ospedale, dove rimangono in genere per 6-12 mesi in attesa di una ‘destinazione’.

centro-pilota-andreea-damato

L’educazione e la formazione

Per favorire lo sviluppo cognitivo del bambino, consentendogli una crescita equilibrata e massimizzarne le capacità di apprendimento, nel Centro Pilota è stato adottato il metodo Montessori.

centro-pilota-andreea-damato

Le cure medico-sanitarie

La maggior parte dei bambini del Centro Pilota è nata da madre sieropositiva. Molti di loro sono stati abbandonati dalle madri subito dopo la nascita in Ospedale, nei reparti di maternità.

IL NOSTRO VIAGGIO
Bambini in Emergenza nasce in Romania alla fine degli anni ‘90 grazie alla volontà e l’impegno di Mino Damato, noto giornalista e conduttore televisivo italiano. Dopo aver adottato la piccola Andreea, una bimba romena abbandonata e malata di AIDS, Damato decise di scendere in campo ed aiutare i quasi cento bambini ricoverati insieme con Andreea nell’Ospedale Victor Babes della capitale Bucarest. Inizia così il  lungo viaggio di Bambini in Emergenza che in più di vent’anni di attività ha portato in salvo centinaia di Vite abbandonate e malate.

Mino Damato. Il nostro Fondatore

Attraverso le parole e la voce di Mino Damato, il nostro fondatore, vi spiegheremo come è nata Bambini in Emergenza.

ADOZIONI A DISTANZA
L’obiettivo ultimo, più ambizioso, del nostro operare è quello di regalare una nuova famiglia ad ognuno dei bimbi abbandonati di cui ci occupiamo, perché siamo certi che una crescita sana e armoniosa sia possibile solo con mamma e papà. Ma anche durante il periodo trascorso nel nostro Centro di accoglienza di Singureni, abbiamo pensato che sarebbe stato importante offrire ad ognuno dei nostri bambini una famiglia a distanza che, seppur lontana, potesse comunque sostenere e aiutare uno o più dei nostri bimbi.

Diventa anche tu mamma, papà, nonno fratello a distanza di un nostro piccolo e con il tuo contributo periodico ci aiuterai a coprire le spese che sosterremo per lui.

I NOSTRI NUMERI
Per raccontare di noi e dei nostri numeri, abbiamo pensato di utilizzare il numero di ore, in un anno, dedicate dall’équipe di Bambini in Emergenza ai nostri piccoli per le attività ludiche, l’educazione, le cure e l’assistenza psicologica.
730

Assistenza Psicologica

568

Cure Medico-Sanitarie

2190

Gioco dei bambini

1460

Formazione Educazione

LE NOSTRE NOTIZIE
IMPRESA DI FAMIGLIA

Una azienda può adottare uno dei nostri bambini

Iscriviti e ricevi la nostra newsletter